HOME


_________________________________________________________________________________________

Papa Francesco ha nominato mons. Mario Delpini nuovo Arcivescovo di Milano.

unnamed
Biografia del Nuovo Arcivescovo di Milano
Nato a Gallarate nel 1951, il vescovo Mario Delpini è cresciuto a Jerago con Orago, in provincia di Varese. Da molti anni vive a Milano, in via Settala, presso la Casa del clero, invece che nei palazzi destinati ai vescovi. Una scelta di semplicità e sobrietà, che sicuramente hanno colpito il pontefice, come anche le abitudini spartane del vescovo che gira in bicicletta, vive con i preti anziani in un quartiere non centrale e non frequenta i social network.
Delpini è stato fatto prete nel giugno 1975, in Duomo dal cardinale Giovanni Colombo. Ma poi è stato in stretto rapporto con il cardinale Carlo Maria Martini che nell’89 lo fece rettore del liceo presso il seminario di Venegono, poi con il cardinale Dionigi Tettamanzi che nel Duemila lo elevò a rettore del seminario stesso, e infine con Scola, che lo volle vicario generale, uno degli incarichi più importanti nella Diocesi. Dal 1993 al 2000 è stato anche docente della facoltà teologica dell’Italia settentrionale e presso il seminario arcivescovile, nelle sedi di Saronno e poi di Seveso.
Esperto di patristica, laureato in lettere, docente di teologia, Delpini parla in greco antico e in inglese contemporaneo, ma ha scritto pochi libri – due per l’esattezza – mentre ha pubblicato diversi interventi, omelie, discorsi e riflessioni.
Nel 2006 viene nominato da Tettamanzi vicario episcopale della Zona Pastorale VI di Melegnano, la zona sud di Milano, lasciando gli incarichi ricoperti in seminario. Nonostante il balzo di “carriera”, Delpini mantiene il suo stile sobrio, la bicicletta con cui si sposta in città, l’appartamento piccolo in via Settala, lo stile spiccio, la familiarità con i preti delle parrocchie ambrosiane, che visita con regolarità. Non ama particolarmente il mondo delle nuove tecnologie, né quello dei social network, ma conosce uno a uno i preti ambrosiani e con molti di loro si scambia il “tu”.
Il 13 luglio 2007 papa Benedetto XVI lo nomina vescovo ausiliare
di Milano e riceve l’ordinazione episcopale il 23 settembre dello stesso anno, con il suo grande amico vescovo Franco Giulio Brambilla (oggi vescovo di Novara), dal cardinale Dionigi Tettamanzi.
E’ Scola a volerlo come vicario generale nel 2012 e due anni dopo anche come vicario episcopale responsabile della formazione permanente del clero. Oggi è anche segretario della conferenza episcopale lombarda e delegato della stessa per il Pontificio seminario lombardo.
Dal 07 luglio 2017 nominato da Papa Francesco successore del Card. Scola.

Papa Francesco “Pregate il S.Rosario: porta pace nel mondo, nella Chiesa, in famiglia”

LINK AL VIDEO

Scola: «Un cristianesimo di popolo per tutti»

angeloscola-7Carissime e carissimi,

con questa lettera desidero raggiungere tutti i battezzati, le donne e gli uomini delle religioni e di buona volontà, per esprimere la mia gratitudine per il dono della Visita Pastorale Feriale giunta ormai alla sua conclusione.

Nelle sue tre fasi, essa ha consentito a me e ai miei collaboratori di toccare con mano la vita di comunione in atto nella Chiesa ambrosiana, non certo priva di difficoltà e di conflitti e tuttavia appassionata all’unità. La preparazione della Visita, svoltasi in modo forse un po’ diseguale nei vari decanati, l’atteggiamento di ascolto profondo in occasione dell’assemblea ecclesiale con l’Arcivescovo, la cura nell’accogliere nelle realtà pastorali il Vicario di Zona o il Decano, e la proposta del passo da compiere sotto la guida del Vicario Generale, hanno confermato ai miei occhi la vitalità di comunità cristiane non solo ben radicate nella storia secolare della nostra Chiesa, ma capaci di tentare, su suggerimento dello Spirito, adeguate innovazioni. Questa attitudine di disponibilità al cambiamento l’ho toccata con mano sia nelle parrocchie del centro, sia nelle grandi parrocchie di periferia, esplose negli ultimi sessant’anni, sia nelle città della nostra Diocesi, sia nelle parrocchie medie e piccole.

È stata però la Visita del Papa a farmi cogliere nitidamente l’elemento che unifica le grandi diversità che alimentano la nostra vita diocesana. La venuta tra noi del Santo Padre è stata, infatti, un richiamo così forte da rendere visivamente evidente che la nostra Chiesa è ancora una Chiesa di popolo. Certo, anche da noi il cambiamento d’epoca fa sentire tutto il suo peso. Come le altre metropoli, siamo segnati spesso da un cristianesimo “fai da te”: ce l’hanno testimoniato gli arcivescovi di grandi Chiese in tutto il mondo che in Duomo hanno raccontato l’esperienza delle loro comunità. Non manca confusione su valori imprescindibili; spesso non è chiaro il rapporto tra i diritti, i doveri e le leggi… Ma è inutile insistere troppo sull’analisi degli effetti della secolarizzazione su cui ci siamo soffermati in tante occasioni. Più utile, anzi necessario, è domandarci – con ancora negli occhi il popolo della Santa Messa nel parco di Monza, l’incontro con i ragazzi a San Siro, l’abbraccio al Santo Padre degli abitanti delle Case bianche e dei detenuti di San Vittore, e soprattutto la folla che ha accompagnato la vettura del Papa lungo tutti i 99 km dei suoi spostamenti – che responsabilità ne viene per noi? Come coinvolgere in questa vita di popolo i tantissimi fratelli e sorelle battezzati che hanno un po’ perso la via di casa? Come proporre con semplicità in tutti gli ambienti dell’umana esistenza la bellezza dell’incontro con Gesù e della vita che ne scaturisce? Come rivitalizzare le nostre comunità cristiane di parrocchia e di ambiente perché, con il Maestro, si possa ripetere con gusto e con semplicità a qualunque nostro fratello “vieni e vedi”? Come comunicare ai ragazzi e ai giovani il dono della fede, in tutta la sua bellezza e “con-venienza”? In una parola: se il nostro è, nelle sue solidi radici, un cristianesimo di popolo, allora è per tutti. Non dobbiamo più racchiuderci tristi in troppi piagnistei sul cambiamento epocale, né ostinarci nell’esasperare opinioni diverse rischiando in tal modo di far prevalere la divisione sulla comunione. Penso qui alla comprensibile fatica di costruire le comunità pastorali o nell’accogliere gli immigrati che giungono a noi per fuggire dalla guerra e dalla fame. Ma, con una limpida testimonianza, personale e comunitaria, con gratitudine per il dono di Cristo e della Chiesa, siamo chiamati a lasciarlo trasparire come un invito affascinante per quanti quotidianamente incontriamo.

A queste poche e incomplete righe vorrei aggiungere una parola su quanto la Visita Pastorale ha dato a me, Arcivescovo. Lo dirò in maniera semplice: durante la celebrazione dell’Eucaristia nelle tante parrocchie e realtà incontrate, così come nei saluti pur brevi che ci siamo scambiati dopo la Messa, e, in modo speciale, nel dialogo assembleare cui ho fatto riferimento, ho sempre ricevuto il grande dono di una rigenerazione della mia fede e l’approfondirsi in me di una passione, quasi inattesa, nel vivere il mio compito. Ma devo aggiungere un’altra cosa a cui tengo molto. Ho appreso a conoscermi meglio, a fare miglior uso dei doni che Dio mi ha dato e, nello stesso tempo, ho imparato un po’ di più quell’umiltà (humilitas) che segna in profondità la nostra storia. Ho potuto così, grazie a voi, accettare quel senso di indegnità e di inadeguatezza che sorge in me tutte le volte che mi pongo di fronte alle grandi figure dei nostri patroni Ambrogio e Carlo.

Se consideriamo la Visita Pastorale Feriale dal punto di vista profondo che la fede, la speranza e la carità ci insegnano, e non ci fermiamo a reazioni emotive o solo sentimentali, non possiamo non riceverla come una grande risorsa che lo Spirito Santo ha messo a nostra disposizione e che ci provoca ad un cammino più deciso e più lieto. Seguendo la testimonianza di Papa Francesco, la grande tradizione della Chiesa milanese può rinnovarsi ed incarnarsi meglio nella storia personale e sociale delle donne e degli uomini che abitano le terre ambrosiane.

La Solennità della Santissima Trinità che oggi celebriamo allarga il nostro cuore e rende più incisivo l’insopprimibile desiderio di vedere Dio: «Il mio cuore ripete il tuo invito: “Cercate il mio volto”. Il tuo volto Signore io cerco, non nascondermi il tuo volto» (Sal 27 [26] 8-9a).

Angelo Card. Scola
Arcivescovo

Nella Solennità della Santissima Trinità
Milano, 11 giugno 2017

image

Il primo passo del cammino: la fase di consultazione

LINK AL QUESTIONARIO
safe_image

Manda ad “Avvenire” le tue foto della visita di papa Francesco a Milano.

CLICCA QUI PER INFORMAZIONI

image

I ringraziamenti ai milanesi del Papa e del Cardinale dopo la visita di Sabato 25 Marzo.

PAPA FRANCESCO: GRAZIE AI MILANESI

SCOLA:PERCHE’ IL POPOLO AMA QUESTO PAPA

aldogg

L’ ultima Video-lettera a Papa Francesco di Giacomo Poretti (del trio Aldo Giovanni Giacomo).

LINK AI VIDEO

Ecco il discorso di Bergoglio che convinse i cardinali ad eleggerlo Papa il 13 Marzo 2013

CITTÀ DEL VATICANO – La grafia è minuta, difficile da leggere, ma del tutto comprensibile, in lingua spagnola. Sono gli appunti originali scritti dal cardinale Jorge Mario Bergoglio per la congregazione generale del 9 marzo 2013, pochi giorni prima del conclave. Fu questo testo a far crescere il consenso intorno a lui, fino alla successiva elezione.
Il cardinale cubano Jaime Ortega, dopo che i contenuti erano già stati resi noti in passato, ha chiesto a Francesco una copia del testo originale, …

CONTINUA QUI …

INAUGURAZIONE CROCE LUMINOSA SUL TETTO

In occasione del 55° di fondazione della Parrocchia di San Giovanni Crisostomo Milano e 50° di costruzione della Chiesa ed a conclusione dei lavori di rifacimento del tetto della Chiesa e dell’Oratorio.
Giovedì 22/12/2016 ore 11, è stata posata la Croce sul Tetto;
Domenica 25/12/2016 ore 01, Inaugurazione ed accensione Croce, preceduta da Benedizione solenne e countdown, con sottofondo il canto Adeste Fideles cantato dal Coro dei Giovani.

CRESCIUTO IN ORATORIO. TESTIMONIANZE DI GIACOMO PORETTI (Di Aldo, Giovanni e Giacomo)

;

“Come si può comunicare il Vangelo ai tempi di Facebook ? La strada è la testimonianza ! Lo dovrebbero fare soprattutto i mass media: raccogliere e narrare la testimonianza di bene che vedono intorno a sé» (Card Scola 29/11/16)SELFIELESS
Anche noi aderiamo alla campagna #Selfieless
t-f2bb90ec433fc557d44f11343f64cee3-700x270

______________________________________________________________________________________

 L’Arcivescovo di Milano Card. Angelo Scola ha onorato la nostra parrocchia celebrando la S Messa delle Genti il 17 Maggio 2014.

E’ stato un momento molto intenso ed emozionante.

Potete trovare tutte le foto “Ufficiali” della visita sul sito della Diocesi evidenziato sotto:

FOTOGALLERY CARDINALE

mentre sulla nostra pagina Facebook troverete  altre foto in continuo aggiornamento. Clicca “Mi Piace” e sarai aggiornato.

FACEBOOK PARROCCHIA

Più sotto il video dell’omelia del Cardinale.

Il Campo è il Mondo, il nostro campo è Via Padova, Via Padova è meglio di Milano!

  • Cardinale Scola a San Giovanni Crisostomo


____________________________________________________________________________________